Lo spazio

I bambini hanno diritto di crescere in un luogo bello, pulito, a loro misura, senza pericoli e che faciliti l’esplorazione. Per questo gli ambienti del nido sono stati creati con attenzione alla qualità estetica servendosi di arredi certificati secondo gli standard più elevati in tema di sicurezza.

Nelle sezioni sono installati i purificatori d’aria DYSON di ultima generazione, accesi ininterrottamente.

Il progetto educativo de Il giardino di Bez si ispira alla metodologia di lavoro sviluppata a Reggio Emilia e nota nel mondo come Reggio Approach: il diritto al bello, espresso dalla cura anche estetica degli spazi, significa soprattutto che nulla è lasciato al caso e che lo spazio parla ai bambini un linguaggio che comunica valori di crescita, attenzioni, cura.

Sezione lattanti

Due piccole sale per i primi importanti passi dei più piccoli:

la verde con l’angolo di accoglienza, i tavoli per la pappa e le prime esplorazioni di materiali, il pannello sensoriale creato dalle educatrici; l’azzurra con la tana, i primi passi, i cesti dei tesori e i morbidi lettini per la nanna.


Sezione medi

Libertà di movimento e possibilità di riposarsi a tutte le ore…

…caratterizzano la sezione dei bambini medi, in cui le spinte per diventare autonomi si alternano a bisogni di relax. Qui regnano gli oggetti provenienti dal recupero e tutto quanto può soddisfare l’esplorazione sensoriale.


Sezione grandi

È l’ambiente che più accoglie le esigenze dei bambini grandi rispetto al poter giocare da soli:

è pensato come una piazza intorno a cui piccoli spazi soddisfano ogni esigenza di giochi in gruppo o solitari. Il salone diventa scenario di giochi simbolici e drammatizzazioni. La casetta con la vista sul giardino viene abitata dai piccoli imitatori del nostro mondo adulto. Nel salone trova posto anche un ricco spazio per il movimento, dove sperimentare il corpo con salti, capriole e arrampicarsi sulle pareti attrezzate. La tana di stelle accoglie chi ha bisogno di una pausa, di fermarsi un momento a pensare, di oziare. Insieme alle educatrici diventa un luogo magico per ascoltare storie e prendere confidenza con i libri. Un piccolo atelier è dedicato all’espressione grafico pittorica, concepito come un luogo fruibile dai bambini liberamente e attrezzato anche per offrire esperienze più complesse.


Sezione Atelier

L’atelier è il luogo dove convergono molte delle ambizioni del nido, …

… un luogo dove i bambini possono incontrare e conoscere le bellezze della LUCE, fare esperimenti con lavagne e tavoli luminosi. E’ un luogo trasformista perché può ospitare attività specifiche come la psicomotricità e la musica o accogliere i bisogni dei bimbi in fase di ambientamento.